Centro per il libro e la lettura

VIDEO – Serianni: «La pandemia non ha cambiato l’italiano. Le istituzioni possono fare di più per limitare l’uso degli anglismi inutili»

Luca Serianni

Coronavirus, lockdown, tamponare: sono alcuni termini entrati ormai nell’uso comune dell’italiano parlato. Ma quanto è cambiata realmente la nostra lingua con la pandemia? Ne abbiamo parlato con Luca Serianni, italianista e filologo, vicepresidente della società Dante Alighieri e socio dell’Accademia della Crusca e dell’Accademia dei Lincei.

Con il Professore abbiamo anche trattato il tema dell’uso eccessivo di termini inglesi nella lingua italiana, dell’influenza di Dante nell’italiano parlato, dello studio dell’italiano all’estero e dell’uso della tecnologia al servizio della formazione e della cultura.

Condividi l'approfondimento

Cerca