Centro per il libro e la lettura

È online il bando “Leggere i siti UNESCO”. Scade il 23 marzo 2023

Con il bando “Leggere i siti UNESCO. Per la diffusione della conoscenza e promozione all’estero dei Siti italiani iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale culturale e naturale dell’UNESCO” il Centro per il libro e la lettura si rivolge alle case editrici che abbiano interesse a realizzare prodotti utili a promuovere la conoscenza all’estero dei siti italiani iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO (Convenzione per la protezione del patrimonio mondiale culturale e naturale – 1972), anche attraverso opere editoriali, guide, modalità di fruizione multimediale, percorsi virtuali e/o mappe interattive.

Tutti i contenuti dovranno essere prodotti, oltre che in lingua italiana, anche in inglese, francese, spagnolo e tedesco per la divulgazione all’estero, ma, a parità di punteggio, sarà considerato elemento di preferenza la capacità e/o possibilità di tradurre, oltre a quelle indicate, anche in una o più lingue, come, ad esempio, tra il cinese, l’arabo e l’ebraico e/o altre lingue considerate “difficili” ancorché di grande diffusione numerica di parlanti.

La dotazione finanziaria del Bando ammonta a un importo di € 354.653,51. Sulla base delle proposte presentate, il Centro individuerà un solo progetto meritevole.

Le proposte progettuali dovranno essere inviate, in formato pdf firmato digitalmente (sono ammessi anche i pdf con estensione di firma digitale quali, ad esempio, il pdf.p7m), entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 23 marzo 2023 all’indirizzo pec c-ll.sitiunesco@pec.cultura.gov.it.

Informazioni e/o chiarimenti sul procedimento possono essere richiesti, fino a 5 giorni lavorativi precedenti la data di scadenza del presente Bando, esclusivamente attraverso la proposizione di quesiti scritti da inoltrare al seguente indirizzo di posta elettronica: c-ll.sitiunesco@cultura.gov.it.

Bando

Allegato A – Formulario

Allegato B – Informativa Privacy

Allegato C – Criteri di valutazione

Allegato D – Dichiarazione sostitutiva requisiti

Condividi l'approfondimento

Cerca