Centro per il libro e la lettura

L’Italia delle donne. Una storia da leggere

La Sicilia delle donne – Festival del genio femminile“, nasce da un’idea di Marinella Fiume, scrittrice e saggista, e Fulvia Toscano, direttrice artistica del festival Naxoslegge. Nel 2022 il progetto ha varcato lo Stretto di Messina ed ha dato vita a “La Calabria delle donne”, con la direzione di Mariangela Preta, archeologa. Oggi l’invito a portare alla ribalta la storia delle donne si estende a tutto il territorio nazionale, coinvolgendo la rete dei comuni in possesso della qualifica di “Città che legge“.

Nasce così, sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura, la terza edizione del festival, con il nome “L’Italia delle donne. Una storia da leggere”, che si svolgerà a partire dal 10 marzo prossimo.

La manifestazione prevede un calendario di eventi organizzati da soggetti proponenti che possono candidarsi a partecipare, coinvolgendo realtà pubbliche o private, realizzando le proprie iniziative in presenza o in streaming. I materiali grafici e audiovideo degli eventi saranno raccolti e condivisi nella pagina facebook “L’Italia delle donne. Una storia da leggere”, che sarà online in occasione del festival.

Il festival si propone di sottrarre all’invisibilità, divulgare e radicare nei territori, le tante figure di donne vissute fra Antichità, Medioevo, Novecento e il primo scorcio del XXI secolo, cancellandone l’assenza e colmando le lacune di un ingiusto “vuoto di memoria”, tentando il recupero non solo di nomi, ma di personalità versatili: volti e storie nei più diversi luoghi segnati dalla loro presenza.

Il tema dell’edizione 2023 è “Donne, Politica e Istituzioni”, dalla storia antica ai nostri giorni (con la sola limitazione che le figure siano donne non più viventi). Per le modalità di coinvolgimento delle Città che leggono interessate a partecipare si prevede una adesione “dal basso” con la ricerca, individuazione e narrazione del/dei personaggi femminili, connessi al tema annuale, colti e declinati nel loro rapporto con i loro territori. In questo, infatti, consiste la peculiarità del progetto. Per fare un esempio, si può ipotizzare una ricerca, in ogni singolo comune, della prima donna che abbia ricoperto un ruolo nell’ambito della amministrazione, in qualità di consigliere, assessora, sindaca. Sarebbe un primo passo per ricostruire una lunga storia di cittadinanza attiva delle donne nel nostro Paese.

Sul tema della terza edizione, occorre evidenziare che il termine “istituzioni” ha una grande varietà di significati: istituzioni sono le scuole, gli ospedali, le imprese economiche, gli apparati di difesa, i tribunali. Istituzioni politiche sono i partiti l’intero meccanismo dei governi, i sindacati.

Per informazioni su modalità e tempistica di partecipazione è possibile consultare il regolamento.

Per informazioni
Fulvia Toscano 3936025554
Mariada Pansera 3471541797
Tamako Chemi 3402939860

litaliadelledonne@gmail.com

Condividi l'approfondimento

Cerca